Qualche info in più...

 

Per chi è indicata

 

L’Arte Terapia è indicata per aiutare persone di ogni età e ogni condizione psicofisica.

Può anche essere sperimentata da chiunque abbia voglia di aumentare il proprio benessere e la propria crescita personale, aumentare la propria creatività, o conoscersi meglio.

 

Per bambini e per adolescenti, per favorirne la crescita sul piano emotivo, cognitivo e relazionale;

 

Per adulti, per promuoverne la salute psicofisica o per ritrovare il proprio equilibrio nei momenti "difficili" della vita;

 

Per mamme in gravidanza, per neomamme, per esprimere ed elaborare le emozioni legate ai vari cambiamenti che l'arrivo di un bambino porta con sé;

 

Per insegnati, in percorsi di formazioni creati ad hoc;

 

Per la terza età, per sostenere e incrementare le funzioni biopsicosociali, per permettere l'espressione di vissuti;

 

Per persone disabili, per permettere un diverso approcio e inserimento in un gruppo, per sostenere le capacità creative e manuali, per permettere l'espressione dei vissuti attraverso un altro linguaggio;

 

Per persone con disturbi psichiatrici per aiutare a costruire difese funzionali, per permettere l'espressione di vissuti.

 

 

 

 

 

Arte Terapia per bambini

 

Il mondo del bambino è fatto di sensazioni tattili, di gioco, di sviluppo dell'immaginzaione e di creativià: è il suo modo comprendere il mondo esterno, di farlo suo, elaborarlo, trovando soluzioni e strategie ai suoi piccoli e grandi problemi.

 

A volte però è difficile trovare delle risposte ai propri perchè o è difficile trovare una soluzione ai problemi che incontrano, o ancora è difficile trovare le parole per raccontarsi ed esprimere quello che si sente. Diventa perciò utile avvicinarsi al bambino utilizzando un vocabolario che gli è congeniale, un modo di esprimersi facile e che conosce bene, quello dei vissuti tattili e corporei, quello dei colori, dell'immaginazione e della fantasia.

 

Per i bambini dai 18 mesi ai 3 anni può essere un valido aiuto all'esplorazione di sè e del mondo: stimolando i sensi e il gioco con i materiali il bambino crea un vocabolario tattile, olfattivo, visivo e uditivo, associa colori o sensazioni alle emozioni, attiva una conoscenza di opposti (leggero-pesante, tanto-poco, grande-piccolo) esperienze utili ad accompagnarlo nel resto della vita, facendo elaborare loro attraverso l'esperienza sensoriale e il gioco, i vissuti propri della crescita.

Per i bambini più grandicelli, dai 4 anni fino alla conclusione della scuola primaria, l'Arte Terapia permette una facile espressione dei vissuti e del mondo privato del bambino. L'attività grafico pittorica e quella di manipolazione di materiali, si avvicinano più al gioco che non all'elaborazione verbale, proprio per questo risultano essere un mezzo privilegiato per esprimere ed elaborare le proprie esperienze. Utilizzando i materiali artistici si può dare voce, colore e forma a quelle emozioni ed esperienze che non si posssono esprimere con le parole.

 

Con i bambini l'Arte Terapia risulta essere un'attività particolarmente adatta come sostegno a vari tipi di problematiche:

per favorire la crescita sul piano emotivo, cognitivo e relazionale e in particolar modo se il bambino ha difficoltà relazionali, difficoltà scolastiche, disturbi dell'apprendimento, disturbi dell'attenzione, autismo, dislessia, balbuzie, mutismo selettivo, attacchi di rabbia e aggressività, iperatttività, eccessiva timidezza, scarsa autostima, eventi di disturbi alimentari, enuresi, ...

Ma anche per affrontare situazioni traumatiche o di malattia, per elaborare un lutto o la separazione dei genitori...

 

 

Per il bambino ciascuna di queste situazioni può essere molto difficile da vivere ed elaborare, può essere impossibile accettare ed esprimere certe emozioni, così come viverle o riconoscerle.

 

L'arteterapeuta aiuta il bambino ad elaborare materiali che sono facili per lui da gestire, come materiali pittorici (matite, tempere, pennarelli), oppure materiali malleabili (come pongo, creta, pasta al sale) o di varia natura (collage, lane, materiali di reciclo, carte, cartoni, ecc): questa modalità è più vicina al gioco che non all'espressione verbale ed è quindi più facile per il bambino " metter mano" ai propri vissuti, raccontarsi attraverso il disegno o la trasformazione di paste e materiali di varia natura. L'arteterapeuta aiuta il bambino ad esprimere i suoi stati d'animo, accogliendoli e permettendo un'elaborazione e una trasformazione.

 

Questa modalità può avvicinare bimbi molto piccoli, magari all'interno di un asilo nido o una scuola materna, come aiuto alla normale crescita psicofisica dei bimbi, o può essere un valido sostegno negli anni della scuola primaria.

 

In base alle esigenze, il percorso può essere individuale, in piccolo gruppo, oppure all'interno della scuola in gruppo classe.

 

 

 

Arte Terapia per adolescenti

 

Il mondo dell'adolescente è caratterizzato da un repentino e continuo cambiamento, una fase in cui le certezze dell'infanzia si alternano alle esigenze di sentirsi e venir percepito come un adulto. Corpo e pensieri si modificano ad un ritmo veloce e non sempre è possibile stare dietro alle continue richieste del mondo esterno, la scuola, gli amici, i genitori...

L'Arte Terapia può essere un mezzo ideale per dare forma alle emozioni e pensieri di questo periodo di transizione, così difficile da affrontare per gli adolescenti stessi e per i genitori: grazie al mezzo espressivo viene dato un contenitore unico ad azione, emozione e pensiero. L'arteterapeuta favorisce l'elaborazione e l'espressione emotiva del ragazzo, instaurando una relazione di fiducia che permetta quel collegamento, così importante per la crescita, tra libertà e confini, azioni e pensieri, comportamenti e emozioni.

 

Con gli adolescenti l'Arte Terapia risulta essere un'attività particolarmente adatta come sostegno a vari tipi di problematiche:

per favorire la crescita sul piano emotivo, cognitivo e relazionale e in particolar modo se il ragazzo ha difficoltà relazionali, difficoltà scolastiche, disturbi dell'apprendimento, disturbi dell'attenzione, autismo, dislessia, balbuzie, mutismo selettivo, attacchi di rabbia e aggressività, iperatttività, eccessiva timidezza, scarsa autostima, eventi di disturbi alimentari, ...

Ma anche per affrontare situazioni traumatiche o di malattia, per elaborare un lutto o la separazione dei genitori...

 

 

 

 

 

 

Arte Terapia per adulti

 

Per gli adulti può essere di supporto in situazioni depressive, di stress, di disturbi alimentari,  come supporto a neomamme (baby blues e depressione post-parto), accompagnamento alla gravidanza, nel superamento di situazioni difficili, o semplicemente come percorso di autoconoscenza, crescita e cambiamento personale. 

 

L'arte terapia può migliorare la qualità di vita della persona aiutandola a riconoscere e ad incrementare le proprie risorse creative, espressive, affettive e relazionali.

 

 

L'Arte Terapia è anche indicata:

 

Con ANZIANI, come supporto in situazioni degenerative, per aiutare a consolidare le abilità ancora presenti, mantenedo a un buon livello le capacità manuali, intellettive ed estetiche; per permettere l'espressione di vissuti e il recupero di ricordi, validando la loro esperienza di vita. 

I laboratori di Arte Terapia aiutano la persona anziana a dar spazio alle emozioni rafforzando gli stati emotivi piacevoli e vitali suscitati dal processo creativo, inoltre permettono un confronto e condivisione tra pari di esperienze vissute, ricordi, paure ed angosce.

Con persone colpite da demenza senile e Alzheimer, l’uso di materiali che stimolino più sensi possibili, e in particolare il tatto, riattiva la memoria corporea, permettendo spesso di creare un oggetto evocativo del passato che possa connettersi con la memoria a lungo termine: la connessione porta con sè ricordi, racconti, storie… che vengono narrate e condivise. Anche la condivisione è un momento importante: sentire raccontare altre persone di problemi simili permette un’apertura, il sentirsi meno soli e soprattutto può rievocare alla memoria ricordi propri.

Le persone vengono così aiutate, attraverso il materiale e opportuni temi proposti, a ricordare il più possibile delle loro esperienze lontane, esercitando le proprie capacità cognitive residue per rallentare il processo degenerativo.

 

Con DISABILI aiutandoli a recuperare le risorse sopite, aumentando le capacità manuali, creative e relazionali.

I laboratori di arteterapia aiutano a sviluppare le capacità espressive e artistiche dei pazienti, come elemento comunicativo importante, diventando un'attività da vivere insieme con piacere nella comunità. Per il paziente diventa possibile esprimere con parole diverse i propri bisogni e vissuti, diventa possibile sentirsi riconosciuto e riconoscere gli altri. La creatività diventa risorsa e stimolo, un modo per "mettersi in gioco", per attivarsi, per poter esprimere consenso e dissenso, creando una relazione di fiducia con l'arteterapeuta.

Nel progetto Art Made Man, promosso a livello europeo, abbiamo sperimentato come danza terapia, arte terapia e artigianato potessero sostenere diverse realtà (disabili, pazienti psichiatrici, persone in carcere).

 

Quando si parla di disabilità, fisica o psichica, e di disturbi psichiatrici, è ormai noto che le arti terapie svolgano un grande sostegno per le persone con queste caratteristiche. Nei vari contesti come comunità, CDD, ospedali, ecc..., l'arte terapia sta prendendo sempre più piede, come attività inserita in un contesto di equipe. L'arte terapeuta concorda nel gruppo di lavoro, gli obiettivi sul gruppo dei pazienti e sui singoli utenti, di modo che il laboratorio sia finalizzato al miglioramento della salute psichica e mentale delle persone che vi partecipano.

 

Indipendentemente dal grado di compromissione cognitiva e funzionale dei pazienti, l'arteterapeuta crea proposte adeguate, utilizzando stimoli tattili, visivi e verbali, in linea con le capacità delle persone del gruppo, con lo scopo primario di far emergere le potenzialità nascoste in ciascuna persona, di dar voce alla parte sana presente in ciascuno e renderla più attiva.

 

L'arte terapia può avere differenti obiettivi, in base alle capacità residue delle persone con cui si lavora: in contesti dove la compromissione fisica non sia legata ad una compromissione cognitiva l'uso dei materiali di vario tipo permette in primo luogo l'espressione di vissuti poco facili da gestire verbalmente, ne permette l'elaborazione, l'accettazione e la trasformazione, sostenendo l'autostima e la parte sana della persona.

L'uso dei materiali e la figura dell'arte terapeuta, aiutano e sostengono il processo di elaborazione del lutto per le persone che hanno avuto incidenti importanti (ictus, ecc..) laddove la vita futura dovrà trovare un altro modo di essere, senza restare ancorata al passato e immersa nel rancore.

Gli obiettivi saranno calibrati in modo differente in contesti dove la disabilità compromette aree cognitive e di autonomia della persona, o laddove vada perso il senso di realtà: il lavoro creativo andrà a sostenere la dignità della persona, l'autostima, l'autonomia, il poter esprimere in un gruppo il proprio pensiero e un proprio vissuto attraverso la propria produzione artistica.

 

L'arte terapia è un’attività dalle caratteristiche complesse; non solo coinvolge diversi contesti muscolari, permettendo a chi è muscolarmente irrigidito o compromesso di ammorbidire le tensioni attraverso la manipolazione dei materiali, ma favorisce anche un processo di esternazione e introiezione di pensieri e vissuti che prendono forma e colore, che possono essere trasformati consapevolmente fino a trovareun'accettabile e soddisfacente espressione.

 

Il superamento graduale dei propri limiti (fisici o difese) avviene in modo quasi spontaneo, perché l’attenzione è orientata alla produzione grafica e i movimenti necessari sono una conseguenza, e non il fine dell’attività.

I percorsi di arte terapia in ambito di disabilità portano benefici generali quali:

un senso di rilassamento, un effetto calmante, un senso di soddisfazione per l’opera prodotta, l'aumento dell’autostima e della partecipazione sociale attraverso lo sviluppo di capacità artistiche, la possibilità di dare voce alla propria espressione emotiva, la capacità di condivisione dei propri prodotti o vissuti all'interno del gruppo.

 

Per quello che riguarda la grafomotricità, un percorso di arte terapia porta ad un miglioramento del controllo grafomotorio attraverso l’attività di produzione pittorica.

 

Per quello che riguarda le funzioni cognitive possiamo sostenere che l’atto di produzione grafica e risoluzione estetica e costruttiva dell'opera, coinvolge le funzioni percettive, attentive, cognitive e il giudizio estetico globale, permettendo un riattivarsi di funzioni cerebrali sopite, stimolando la coordinazione dei movimenti e l'integrazione di tutte le funzioni psichiche.

 

Un intervento di arteterapia infine si rivolge a sostenere le funzioni della creatività ed espressione, attivabili a qualunque livello di patologia: la persona inizia a riscoprire le proprie potenzialità creative, vive sulla sua pelle un miglioramento del suo campo d'azione e questo porta ad un aumento di autostima e di benessere personale, nonché di partecipazione sociale.

Per persone con DISTURBI PSICHIATRICI aiutando la persona a costruire difese funzionali, contrastando l'isolamento e stimolando l’espressività individuale.

Gli obiettivi rivolti ai pazienti psichiatrici sono:

  • Permettere a ciascun paziente una migliore elaborazione dei vissuti, emozioni, racconti personali, attraverso l’esperienza artistica.

  • Rinforzare l’autostima.

  • Elaborare, attraverso la sperimentazione dei materiali artistici un senso di Sé integro.

Proprio l’uso di materiali artistici permette l’espressione a livello non verbale di stati d’animo, problematiche, sentimenti, sensazioni che a volte sono difficili da delineare e quindi anche da esprimere.

Per i pazienti psichiatrici spesso il lavoro si concentra su problematiche artistiche quali il contenimento, il dare forma, il dare un luogo ai propri soggetti o una struttura, dare voce e immagine a delle storie, tutti elementi che hanno un parallelo a livello psichico, quali contenere stati emotivi, creare una struttura psichica, delineare, riconoscere e dare voce a sentimenti, avere a che fare e contenenre stati emotivi differenti ed opposti.

L'Arte Terapia si è rivelata utile con persone in carcere, in comunità giovanili e persone con problemi di dipendenza (cibo, droghe, gioco...).

 

 

La Medical Art Therapy è una branca specifica dell'Arte Terapia rivolta a persone di tutte le età che stanno vivendo o hanno vissuto un'esperienza di malattia, di trauma (per esempio un incidente o un intervento chirurgico) o stanno subendo trattamenti medici invasivi. Dal 1945 la Medical Art Therapy costituisce un efficace strumento di trattamento complementare alla medicina, per sostenere le risorse della persona, facilitarla ad elaborare l'esperienza, aiutarla a sviluppare strategie di affrontamento, in direzione della salvaguardia o del recupero della propria integrità psicofisica. La Medical Art Therapy si applica inoltre in ambito medico estremo, per preparare, laddove necessario, al "passaggio".

 

 

 

Per insegnati, in percorsi di formazioni creati ad hoc in base alle esigenze e alle fasce di bambini e adolescenti a cui si insegna.

Call

328 4534185
 

  • Pinterest - Bianco Circle
  • LinkedIn - Bianco Circle
  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now